risarcimento danni

Risarcimento diretto o indiretto? Le differenze

Chi guida un’automobile o un veicolo a motore avrà già sentito parlare di risarcimento diretto o indiretto (o ordinario). Così come avrà già sentito parlare di Convenzione CARD. A volte si fa confusione tra i due tipi di indennizzo e si hanno dubbi su come distinguerli correttamente.

Noi di Studio UBI Risarcimento rispondiamo alle domande più frequenti che si pongono le persone in difficoltà. Oggi, infatti, risponderemo ai dubbi sul risarcimento diretto o indiretto per sinistro stradale.

Vuoi sapere cos’è l’indennizzo diretto incidente stradale? Oppure, hai dubbi sulla differenza tra liquidazione diretta e indiretta? Leggi l’articolo e scopri tutte le informazioni che stai cercando!

Cos’è il risarcimento diretto?

Risarcimento diretto o indiretto? Le differenze

Veniamo subito al dunque. Il risarcimento diretto è una procedura di indennizzo assicurativo entrata in vigore con il decreto del 1° febbraio 2007. Questa procedura consente all’assicurato di richiedere e ottenere il risarcimento dei danni per incidente direttamente dalla sua compagnia assicurativa. Si tratta di una modalità in più per gli automobilisti assicurati di ricevere denaro per coprire i danni causati dal sinistro. 

Nel 2007, dunque, entra in vigore questa nuova modalità per gli assicurati di coprire i danni per sinistri stradali. Coloro che stipulano polizze assicurative RCA, infatti, possono scegliere compagnie che prevedono questo tipo di liquidazione.

La procedura è nota anche come Convenzione CARD. CARD, infatti, sta per Convenzione tra assicuratori per il risarcimento diretto.

Cos’è il risarcimento indiretto (o ordinario)?

Il risarcimento ordinario, diversamente da quello diretto, è la procedura per cui il danneggiato chiede e ottiene una somma di denaro dalla compagnia assicurativa di chi ha causato l’incidente

Risarcimento diretto o indiretto? Le differenze

Facciamo un esempio. Tizio ha subito danni per un incidente stradale causato da Caio. Tizio stava guidando la sua auto quando all’improvviso il lato della sua automobile viene urtato dalla parte anteriore dell’auto di Caio. In questa collisione laterale il responsabile è Caio che non ha visto la precedenza. In questo esempio di sinistro, Tizio potrà rivolgersi alla compagnia di Caio per chiedere di coprire i danni al suo veicolo se la sua compagnia non aderisce alla convenzione.

Cosa viene risarcito con l’indennizzo diretto?

L’indennizzo diretto si può ottenere solo se non si è responsabili dell’incidente o si è responsabili solo in parte. Vediamo cosa copre.

Sono coperti i danni al veicolo e i danni alle cose materiali presenti nel veicolo al momento dell’incidente stradale. Che sia in auto, moto, furgone, camper, se gli oggetti all’interno si rompono e si danneggiano è possibile ricevere un risarcimento per danni alle cose trasportate

Risarcimento diretto o indiretto? Le differenze

Inoltre, se nell’automobile erano presenti passeggeri, allora forse ti interessa sapere che anche loro possono ottenere un risarcimento diretto derivante da sinistro stradale! L’indennizzo diretto dei danni alla persona, infatti, si applica anche ai terzi trasportati che hanno subito lesioni.

L’indennizzo diretto copre anche i danni fisici subiti dal conducente del veicolo. In questo caso, si parla di danni alla persona. I danni al conducente, tuttavia, per essere indennizzati dalla compagnia assicuratrice, non devono essere superiori al 9%.

Convenzione CARD: quando si applica l’indennizzo diretto

La Convenzione CARD si applica a condizioni particolari e non per qualsiasi incidente stradale. Per beneficiarne, infatti, ci devono essere delle circostanze ben precise. Si può attivare la procedura quando:

  • i veicoli coinvolti nell’incidente sono soltanto due;
  • le persone coinvolte nell’incidente non riportano lesioni che comportino un’invalidità permanente superiore al 9%;
  • i veicoli interessati dal sinistro hanno entrambi targa italiana, della Repubblica di San Marino o dello Stato Città del Vaticano;
  • i due veicoli sono regolarmente assicurati;
  • c’è stato un urto tra i due veicoli.

Risarcimento diretto: conviene?

La nostra risposta è NO. Non è conveniente ricevere la liquidazione diretta dalla propria assicurazione. Per spiegare perché, dobbiamo introdurre un termine, che abbiamo già introdotto nella nostra guida su come essere risarciti per danni da incidente stradale. Stiamo parlando del forfait, l’importo che la tua compagnia assicurativa incassa a prescindere dall’entità del danno e delle lesioni.

Visto quanto la tua compagnia assicurativa riceve in denaro, è nel suo interesse abbassare quanto più può l’importo della tua liquidazione. Per due ragioni principali:

Risarcimento diretto o indiretto? Le differenze
  1. per lucrare sulla differenza risultante tra il tuo risarcimento e il suo rimborso,
  2. per limitare la perdita economica nel caso in cui debba corrispondere a te un importo maggiore del rimborso che ha ricevuto.

Questo meccanismo è noto anche come meccanismo di compensazione.

Nel prossimo articolo, parleremo in maniera più approfondita del forfait nell’indennizzo diretto. Seguici sui canali Facebook e LinkedIn per non perderti i nostri nuovi articoli.

Riassumendo…

  1. Qual è la differenza tra risarcimento diretto e indiretto?

Il primo è chiesto dalla vittima del sinistro alla propria compagnia d’assicurazione. Il secondo, invece, è chiesto dalla vittima alla compagnia assicurativa della controparte coinvolta.

  1. Cosa copre l’indennizzo diretto?

L’indennizzo diretto copre i danni al veicolo e i danni alle cose materiali. Inoltre, copre i danni fisici alla persona: sia al conducente sia a eventuali passeggeri presenti nel veicolo.

  1. Quando non si applica il risarcimento diretto?

Il risarcimento diretto non può essere richiesto se sono coinvolti più di due veicoli. Se il sinistro è avvenuto con un veicolo senza motore (bici, ecc.) o con un pedone. Se non c’è stato alcun contatto tra le auto (ovvero, se non c’è stato un urto). Se i danneggiati riportano più del 9% d’invalidità permanente.

  1. Cos’è il forfait?

Il forfait è l’importo che la tua compagnia assicurativa incassa, a titolo di rimborso, a prescindere dal danno che hai subito.

Risarcimento diretto o indiretto? Le differenze

Ecco perché rivolgersi agli esperti del risarcimento

Abbiamo parlato del forfait nell’indennizzo diretto e di come questo meccanismo generi interessi che non coincidono con i tuoi. Noi di Studio UBI, invece, abbiamo un solo interesse: farti ottenere quello che ti spetta davvero!

Inoltre, ci sono vari aspetti negativi nell’autogestione della pratica. La liquidazione diretta sembra la soluzione più facile e veloce per ottenere subito i soldi per coprire i danni. I tempi sono più brevi e la procedura è più facile ma, come abbiamo visto, entrano in gioco altri tipi di interesse. D’altro canto, gestire la pratica di risarcimento indiretto è una procedura impegnativa e complicata.

Rivolgersi a dei professionisti del risarcimento permette di ottimizzare i tempi per ottenere la giusta somma di denaro per risarcire i danni da sinistro stradale. Non solo! La professionalità e l’esperienza degli esperti ti permetteranno anche di avere meno dubbi e più certezze sulla pratica che gestiremo. Contattaci e ottieni il giusto risarcimento danni per sinistro stradale!

Condividi questa notizia!
Default image
Ufficio Stampa - Giroidea
PR non è più solo l’acronimo di Pubbliche Relazioni, ma soprattutto di People Relation [relazioni tra persone]. La volatilità e il dinamismo dell’utenza è qualcosa con cui bisogna fare i conti oggi; è per questo motivo che in Giroidea.it abbiamo voluto un ufficio stampa all’altezza, per guidare i contenuti ad attrarre nuovi utenti. Le strategie per fidelizzare i clienti sono molte, e bisogna conoscerle tutte! Giroidea è il partner migliore perché conosce come trasformare la Comunicazione in un vettore che porta a far crescere il mercato dell'azienda che la sceglie.